27.06.2018
Menopausa precoce: cambiamenti e soluzioni in maniera personalizzata
Domani, al Gemelli il meeting sulle strategie di prevenzione e sulle terapie più efficaci, sostitutive o alternative

La menopausa precoce: cambiamenti e soluzioni è il tema del convegno che si terrà domani, giovedì 28 giugno, dalle 8.30 alle 17.00, presso il Dipartimento Scienze della Salute della Donna e del Bambino della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, diretto dal prof. Giovanni Scambia (V piano -ala A).

Il meeting suddiviso in tre sessioni prenderà in esame la perimenopausa e la menopausa precoce, i cambiamenti e le soluzioni, la menopausa precoce iatrogena e la terza sessione che concluderà i lavori prevede una tavola rotonda sulle terapie nelle menopause iatrogene.

La menopausa precoce è una patologia rara che colpisce 1 donna su 100 prima dei 40 anni e 1 donna su 250 prima dei 35 anni, la comunicazione di una diagnosi di menopausa precoce o di insufficienza ovarica può avere un impatto negativo sulla componente fisica, mentale ed emotiva della giovane donna soprattutto per quanto riguarda la perdita della capacita’ riproduttiva.

Il ginecologo attraverso un’appropriata anamnesi, un accurato esame obiettivo e una terapia ormonale sostitutiva personalizzata può offrire alle pazienti un adeguato supporto terapeutico e indicare provvedimenti per la ricerca della gravidanza qualora questa sia desiderata.

“La menopausa precoce – anticipa Paola Villa, responsabile scientifico del convegno e ginecologa del Dipartimento Scienze della Salute della Donna e del Bambino - può essere spontanea o indotta da trattamenti come la chemioterapia o interventi chirurgici come l’ovariectomia bilaterale, condizioni che visti i trend terapeutici negli ambiti oncologici e non, sono in aumento. Indipendentemente dalla causa - continua la ginecologa Villa - le donne che esibiscono una carenza estrogenica in età giovane, cioè prima della menopausa che naturalmente avviene intorno ai 50 anni, presentano un aumentato rischio di morbilità e mortalità per patologie croniche. È di grande importanza conoscere i cambiamenti di tali periodi per attuare le strategie di prevenzione e di terapie più efficaci”.

La perimenopausa è definita come il periodo immediatamente precedente alla menopausa quando iniziano le caratteristiche endocrinologiche, biologiche e cliniche dell’approssimarsi della menopausa. Il passaggio dallo stato riproduttivo allo stato menopausale può iniziare dai 45 anni in avanti e le donne possono rimanere in fase di transizione per almeno 4-5 anni.

Questa perimenopausa culmina con il periodo di almeno di 12 mesi di amenorrea da cui si può iniziare la definizione di menopausa. Questo periodo di transizione può essere caratterizzato già da sintomi specifici come vampate di calore, sudorazioni, sbalzi di umore e aumento di peso. D’altra parte, la menopausa precoce è definita come insufficienza ovarica che avviene prima dei 40 anni. Questa condizione è patologica e caratterizzata da amenorrea, aumento dei livelli di gonadotropine e carenza di estrogeni.

Condividi Condividi questa news per posta elettronica E-mail Condividi questa news su Facebook Facebook Condividi questa news su Twitter Twitter Condividi questa news su Linkedin LinkedIn
Stampa Stampa questa news