Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore
Skip Navigation Links

Il Percorso clinico-assistenziale del paziente con NSTEMI


L’infarto NSTEMI rappresenta una condizione particolarmente insidiosa, in quanto - all’elettrocardiogramma - non si riscontra il sopraslivellamento del tratto ST, caratterizzante invece l’infarto STEMI.
Negli ultimi anni l’infarto NSTEMI sta superando in frequenza lo STEMI e non va affatto considerato meno grave e meno pericoloso di quest’ultimo: in fase di follow-up, può addirittura comportare un rischio superiore in termini di re-infarto e di mortalità.
L’ischemia è solitamente intramurale (pertanto, nella maggior parte dei casi non è interessato l’intero spessore della parete miocardica); la causa è da ricercarsi in un’occlusione incompleta o transitoria a livello coronarico, mentre la sintomatologia è quella classica della cardiopatia ischemica: dolore toracico gravativo, frequentemente accompagnato da dispnea e nausea, fino alla sincope. È necessario un sollecito intervento di riperfusione miocardica, al fine di prevenire o – quantomeno – limitare l’evoluzione verso la necrosi del tessuto cardiaco: il ricorso all’angioplastica consente un ripristino meccanico ottimale del flusso a livello dell’arteria coronarica ostruita; è pertanto fondamentale che la gestione di queste delicate fasi avvenga in maniera codificata e che sia affidata a professionisti qualificati ed esperti.

L’iter diagnostico-terapeutico del paziente con NSTEMI è delineato con cura sin dal momento della presa in carico a livello territoriale; le persone con questo problema di salute giungono alla nostra struttura prevalentemente dalle aree settentrionali della città e della provincia di Roma e dalle province di Rieti e Viterbo, tramite la Rete Emergenza che vede il Gemelli come centro hub di riferimento per i suddetti territori della Regione Lazio.

Particolarmente rilevanti ed innovativi sono gli aspetti di multiprofessionalità e multidisciplinarietà che caratterizzano il Percorso: medici di varia estrazione specialistica ed infermieri agiscono in maniera collegiale e coordinata al fine di garantire trattamenti appropriati e tempestivi, non solo a chi accede in Pronto Soccorso con il classico dolore toracico di tipo anginoso, ma anche a coloro i quali che - in corso di degenza presso reparti non cardiologici - presentino un suggestivo corteo sintomatologico. Un’ulteriore innovazione è costituita da forme di follow-up specifiche e personalizzate, successive alla dimissione del paziente, con il coinvolgimento dei medici del territorio interessati.
 

Per ulteriori informazioni sui Percorsi clinico-assistenziali della Fondazione Policlinico Agostino Gemelli, è possibile rivolgersi alla  UOC Percorsi Clinici/Direzione Governo Clinico (tel. 06 3015.5955, email: percorsi.clinici@policlinicogemelli.it).

 


Inserire l'e-mailFormato non valido.



© 2016 Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli - Codice Fiscale e P.IVA n. 13109681000
Sede Legale Largo Francesco Vito 1, 00168 Roma - Sede Operativa Largo Agostino Gemelli 8, 00168 Roma
Tutti i diritti riservati/All Rights Reserved

Mappa del Sito | Informativa sulla Privacy | Avvertenze | Condizioni generali di utilizzo e consultazione del sito | Redazione | Webmaster